E mi fa piacere ogni tanto guardarti quando riesco a farti abbozzare un sorriso, nonostante tutto. Nel cristallo pulsavano i fiumi, fumigavano i monti, rilucevano i mari, mentre assopita sul trono tenevi in mano la sfera di cristallo, e — Dio mio! Fummo condotti chissà dove. Ma la mia mentre era altrove, la mia mente pensava a te, ovunque tu sei, pensava alla ragazza che amo, si, proprio tu…. Ma non puoi capire come, mentre lo guardavo, fantasticassi sul nostro primo incontro…. Tu che arrivi in aereo, io che cerco disperatamente di primi incontri poesia a che gate arrivi…. Che corro come un pazzo cercando il terminal giusto, poi finalmente ti trovo…. Un tuffo al cuore… il mio battito si ferma per un istante. Poi ricomincia… Batte un colpo, due… Primi incontri poesia. È come un martello pneumatico che mi esplode in petto, ormai è fuori controllo, wow! Ti arrivo di fronte e in un attimo ti abbraccio, ti stringo, come se non ci fosse un domani…. Ti stringo come se tu fossi la cosa più bella del mondo…. Char, One-Eye, Draco, Re Edgar, Lucinda, personaggi originali, personaggi con lo stesso nome dei film ma diversi nel carattere.

Primi incontri poesia “Primi Incontri”: poesia di Arsenij Tarkovskij

Tu eri appena dietro di loro. Eppure… erano riusciti a rimanere insieme. Mi chiedo sempre se gli uomini, o magari anche le donne ma vedo ovviamente le cose dal mio punto di vista, abbiano delle strategie collaudate di acchiappo e magari di acchiappo online: Ti stringo come se tu fossi la cosa più bella del mondo…. Quante volte te l'ho detto che ti si consumano i polmoni? A volte lo ossessionava con la sua irragionevole gelosia. Le mie migliori amiche tornarono dal campo scuola. Oh anche lei aveva i suoi difetti! I primi sguardi, le prime occhiate, i primi complimenti, i primi incontri. Penso di piacergli, sapeva anche di te.

Primi incontri poesia

Primi Incontri. Ogni istante dei nostri incontri lo festeggiavamo come un’epifania, soli a questo mondo. Tu eri più ardita e lieve di un’ala di uccello, scendevi come una vertigine saltando gli scalini, e mi conducevi oltre l’umido lillà nei tuoi possedimenti al di là dello specchio. Arsenij Tarkovskij, Primi incontri “Ogni istante dei nostri incontri lo festeggiavamo come un’epifania, soli a questo mondo. Tu eri più ardita e lieve di un’ala di uccello, scendevi come una vertigine saltando gli scalini, e mi conducevi oltre l’umido lillà nei tuoi possedimenti. “Primi Incontri”: poesia di Arsenij Tarkovskij L'arte di guardare l'Arte. Primi Incontri. Ogni istante dei nostri incontri lo festeggiavamo come un’epifania, soli a questo mondo. Tu eri più ardita e lieve di un’ala di uccello, scendevi come una vertigine saltando gli scalini, e mi conducevi. poetry A. A. Tarkovskij primi incontri poesia art artists on tumblr Beatrice Scaccia. 10 notes. Reblog. Dei nostri incontri ogni istante. festeggiavamo come un'epifania, soli nell'universo tutto. Più ardita e lieve di un battito d'ala, per le scale correvi, come un capogiro.

Primi incontri poesia